Home » Dall’UE oltre per rivoluzionare il turismo regionale dell’ Emilia-Romagna

Dall’UE oltre per rivoluzionare il turismo regionale dell’ Emilia-Romagna

Innovazione e Sostenibilità al centro dei nuovi progetti: Digitalizzazione, Turismo Lento e Accessibilità Culturale

Sono tre i progetti finanziati dall’Unione europea con oltre 1,5 milioni di euro per lo sviluppo e la crescita del turismo sul territorio regionale.

A partire dalla digitalizzazione per rafforzare la sostenibilità e l’innovazione delle destinazioni turistiche, promuovendo laboratori, scambi e visite studio per ampliare le competenze e le conoscenze degli operatori. Progetto che vede la Regione Emilia-Romagna capofila e coordinatrice di 10 partner di sei Paesi europei (Slovenia, Bulgaria, Grecia, Spagna, Macedonia e Bosnia).

E poi gli itinerari per un turismo ‘lento’ nelle zone rurali con l’obiettivo di valorizzare il territorio e le comunità locali creando percorsi ad hoc tra cultura e gastronomia.

Infine, gli interventi per migliorare l’accessibilità e l’inclusività dei luoghi della cultura, anche per le persone con disabilità, avvalendosi dello studio e della creatività di giovani, università, associazioni culturali, operatori turistici e comunità locali.

Progetti finanziati attraverso i programmi Interreg Euromed e Italia-Croazia.

“Confrontarsi, lavorare insieme ad altri Paesi europei è sempre motivo di crescita per tutti- commenta l’assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini-.  Soprattutto su progetti innovativi che puntano alla sostenibilità e al digitale, in linea con il nostro Patto per il Lavoro e per il Clima, e che hanno anche forti ricadute sul nostro territorio.  La nostra azione è in crescita- chiude- e attraverso questi partenariati sarà ulteriormente rafforzata grazie anche al supporto fornito dal nuovo cluster turismo con l’obiettivo fi aumentare ancora di più l’attrattività dell’intera Emilia-Romagna”.

I progetti

Il progetto Libeccio, di cui la Regione Emilia-Romagna è capofila, ha l’obiettivo di potenziare la governance sulla sostenibilità delle destinazioni turistiche favorendo l’uso del digitale come catalizzatore per la loro crescita economica, sociale e il rispetto dell’ambiente. La Regione Emilia-Romagna coordinerà, con 572mila euro sul programma Euromed, 10 partner di sei Paesi europei: Slovenia, Bulgaria, Grecia, Spagna, Macedonia e Bosnia. Il lancio è previsto per fine marzo 2024.

Gli altri due progetti, di cui l’Emilia-Romagna è Regione partner, sono approvati sul programma Italia-Croazia.

Il primo, Gusti, promuove itinerari turistici gastronomici di qualità nelle regioni rurali della Croazia e dell’Italia, coordinato dall’Agenzia di sviluppo croato Lira, con una dotazione finanziaria per l’Emilia-Romagna di 343mila euro. Il programma di attività prevede di rilanciare alcune aree più periferiche della nostra regione, creando nuove opportunità economiche con un filo comune: la creazione di itinerari slow. Cultura, turismo e gastronomia insieme per preservare quanto già realizzato dalle imprese e per rispondere alle nuove esigenze della domanda attraverso proposte che valorizzino il territorio e le comunità locali.

Il secondo, Value Plus, coordinato dal Comune di Ravenna, si propone di creare maggior valore per i distretti culturali e potenziare il turismo dell’area transfrontaliera. La Regione partecipa in qualità di partner con l’obiettivo di aumentare la capacità di gestione e di promozione dei territori, di stimolare giovani, università, associazioni culturali, operatori turistici e comunità locali a sviluppare nuovi prodotti e per rendere i luoghi più accessibili e accoglienti alle persone con disabilità. Alla Regione sono destinati 244.360 euro, mentre per il Comune di Ravenna il finanziamento è pari a 626.885 euro (fonte Regione Emilia Romagna)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.